Persian Love Cake (Persia)

La Persian Love Cake è una ricetta perfetta per San Valentino, fatta con mandorle, pistacchi, cardamomo e noce moscata, dal profumo unico, che trasporta immediatamente in una notte d’ oriente.

Ho cercato al sua origine e ne ho trovato diverse versioni.

Molte storie  narrano di una ragazza persiana di umili origini, innamorata disperatamente di un irraggiungibile principe.

Per cercare di conquistare il cuore del suo amato decise di fare ciò che sapeva fare meglio, gli preparò una torta, mescolando con cura  tutti i profumi della Persia insieme a  lacrime e sospiri d’amore. Non si conosce il finale di questo racconto…

A me piace credere, come nelle migliori favole che, alla fine, il principe sia rimasto ammaliato e abbia ricambiato l’ amore della fanciulla prendendola in sposa.

In questo dolce si utilizza l’acqua di rose, tanto cara alla cucina orientale, che va dosata alla perfezione, perchè ha un odore molto particolare ed è necessario evitare che diventi predominante, altrimenti potrebbe ricordare una  saponetta.

 

persian love cake 2 (1)

 

Ingredienti per uno stampo da 24 cm

300 gr di mandorle spellate

250 gr di zucchero di canna

75 gr di burro

300 gr di yogurt greco bianco

1 uovo

1 cucchiaino di cardamomo in polvere

1 cucchiaino di noce moscata

1 cucchiaino di acqua di rose

1 pizzico di sale

30 gr di pistacchi tritati

Preriscaldare il forno a 180°.

Frullare nel mixer le mandorle insieme allo zucchero.

Frullare nuovamente questo composto insieme al burro, farlo in più volte in modo che si amalgami bene, fino ad ottenere una sabbia umida.

Utilizzare metà composto per ricoprire il fondo della tortiera, premendo e compattando bene.

 

 

Mettere in una ciotola l’altra metà, aggiungervi le spezie, l’acqua di rose, l’uovo, il sale, lo yogurt e amalgamare bene.

Versare il composto nella tortiera e livellare bene, ricoprire con i pistacchi e infornare.

 

 

Cuocere per circa 40 minuti, ma fare sempre la prova dello stecchino.

Sfornare e decorare con petali di rosa.